Fede e speranze

Il rinvio di un anno dei Giochi Olimpici di Tokyo rischia di complicare i piani di Federica Pellegrini. Che a 32 anni deve chiedere al proprio fisico uno sforzo supplementare.

“Spero solo che il mio fisico tenga ancora botta!”. Più laconico così non poteva essere il commento di Federica Pellegrini una volta appreso il rinvio di un anno dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

La fuoriclasse della vasca Azzurra, che aveva già programmato la sua ultima recita sul proscenio più prestigioso, deve quindi rimandare di un anno l’uscita di scena. Un problema non di poco conto quando la carta d’identità segna 32 anni e il contachilometri personale tende verso l’infinito. E se a tutto questo si aggiunge il fatto che alcune avversarie erano poco più che bambine quando Fede aveva cominciato a far girare il proprio nome a livello internazionale, ecco che l’auspicio della Divina diventa quello di tutti i tifosi e gli appassionati del nuoto: che il fisico regga e che si possa tutti quanti gustare ancora una volta all’opera una delle più grandi Campionesse dell’acqua clorata contemporanea.

Magari alzandosi tutti in piedi ad applaudire a una nuova, straordinaria impresa. Come a Budapest nel 2017 o, più ancora, a Gwangju lo scorso luglio. Lezioni di talento, dimostrazioni lampanti di cosa significa essere fenomeni: di testa, di carisma. Le armi che Federica proverà a utilizzare anche in Giappone per piegare ancora una volta le giovani e agguerrite orde di ragazzine che si getteranno all’assalto del suo trono.

Fattibile? La logica suggerirebbe prudenza, ma quando di mezzo c’è Federica Pellegrini la logica è la prima a farsi da parte. Perché se è vero che ogni tanto la Divina si concede qualche divagazione, si veda ad esempio l’esperienza televisiva come giudice di Italia’s Got Talent,altrettanto vero è che quando c’è da lavorare duramente e a testa bassa, difficilmente sgarra di una virgola. Altrimenti, scordarsi tanta longevità a così alti livelli.

L’anno che verrà, quindi. sarà dedicato a mantenere a giusto regime il motore in attesa del via libera alle gare. E se il rinvio non è ovviamente una buona notizia, lo slittamento di un solo anno permette comunque a Federica di guardare con ottimismo al 2021 e studiare tutte le mosse per l’uscita di scena perfetta.

Facebook
Twitter
Email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato